Browse By

Evitare la penalizzazione da Google

Essere penalizzati dai motori di ricerca, e in particolare da Google, è uno dei peggiori incubi per un sito. Innanzi tutto chiariamo cos’ è una penalizzazione.

Essere penalizzati  dai motori di ricerca, significa perdere improvvisamente posizioni sulle ricerche.

Essere ai primi posti di una ricerca, significa avere molte più possibilità di essere visitato piuttosto di un sito che si trova in quarta o quinta posizione. Quando l’ utente digita le parole chiave (Keywords) sul motore di ricerca e preme invio, per prima cosa clicca sul primo risultato. Se non ha trovato nulla nel primo risultato incomincia a cliccare sul secondo, se non trova niente poi và sul terzo e così via. Purtroppo, molto spesso capita che l’ utente trova ciò che gli serve nella prima posizione, legge ciò che gli serve e poi se ne và. In questo modo, già chi si trovava in seconda posizione è stato praticamente ignorato.

Ecco perchè è così importante risultare ai primi posti di un motore di ricerca (e in particolare su Google). Infatti, il traffico che atterra sul nostro sito, arriva per l’ 80% da Google, quindi questo rivolge un ruolo molto fondamentale.

Le domande che ti starai ponendo sono:

  • Perchè si viene penalizzati?
  • Se lo si è stati, come si fà a risalire.

Prima di risponderti a queste domande, vorrei crearti prima un’ immagine precisa di cosa intendo per ” perdere posizioni .

Fino a poco tempo fa, se immettevi su Google le Keywords Guadagnare col blog , appariva immediatamente il mio blog in prima posizione. Ora le cose sono cambiate.

Ecco come Google mi ha piazzato in ultima e penultima posizione della sua prima pagina.

Infatti le mie visite sono calate notevolmente e non mi è restato altro che analizzare il motivo di questa penalizzazione.

Diciamo che esistono tantissimi motivi per essere penalizzati, ecco in base a cosa.

Motivi della penalizzazione

Google ti penalizza se tu coscientemente o incoscientemente vai contro alle sue regole. Google ti dice che avrai il suo consenso, e quindi le prime posizioni se nel tuo sito non parli di pornografia, se non parli di fumo, se non parli di razzismo, se non stai cercando di creare un associazione a delinquere, se nel tuo sito non parli di casinò online, se non parli di metodi per guadagnare illeciti ecc..

Io nel mio Blog, non tratto neanche di striscio uno di questi argomenti. Allora perchè Google mi ha penalizzato?

Analizzare il motivo della penalizzazione

Se hai un sito puro, che parla di argomenti etici, seri e utili alla comunità, teoricamente non dovresti incorrere in queste penalizzazioni (come me). Però a me è successo e solo poco fa ho scoperto il motivo.

In questo articolo ho parlato dei più famosi metodi per Guadagnare online. Per farlo come si deve, ho dovuto prendere in considerazione tutte le ipotesi. Così, nell’ articolo ho parlato anche di scommesse sportive e di Casinò online. Ma non solo ne ho parlato, alla fine della descrizione ho messo il link che manda gli utenti al sito delle scommesse sportive o del casinò ecc..

Il fatto è che se non avrei messo i Link, Google probabilmente nemmeno se ne sarebbe accorto degli argomenti trattati nel mio blog, ma, siccome ho messo quei link, Google esegue una semplice operazione e pensa: ” Tu hai linkato il suo sito, quindi vuol dire che vi conoscete . Il tuo sito è buono, ma quello dei casinò non lo è, quindi se tu hai a che fare col sito del casinò ti penalizzo! “.

Ovviamente Google non può sapere che io non ho nulla a che fare con quel tipo di siti, ma ha assocciato il mio sito (buono) con quello del casinò (cattivo), e come tutti sanno meno per più fa meno.

Perciò cosa ho fatto? Ho eliminato tutti i link che portavano a questi brutti siti, lasciando solo la descrizione e lasciando quindi che gli utenti si cerchino da soli questi siti da Google.

Quindi, un consiglio spassionato che ti posso dare è: scegli con attenzione i link che metti all’ interno del tuo Blog. Mandali solo verso i siti che hanno una buona reputazione, e cerca di non esagerare troppo con i link, poichè i motori di ricerca non li vedono sotto buon occhio.

Detto questo, ti lascio ad un solo Link, un link di un articolo molto ben fatto, che tratta sempre della penalizzazione e dei link (cosa che abbiamo già trattato quì) ma, approfondire e leggere un argomento su più fonti non è mai un male 😉 .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.