Browse By

Siti dove promuovere il tuo blog gratuitamente

La pubblicità è l’anima del commercio. 

Eh già, sono proprio queste le prime parole che impariamo non appena iniziamo ad interessarci al mondo del lavoro. Cosa vogliono significare queste parole? Significano che tu puoi avere il miglior sito, col miglior prodotto, con la migliore presentazione di sempre, ma se hai poco traffico allora avrai sempre pochi risultati.

Ci sono molti modi per fare pubblicità al tuo sito. Esistono dei metodi a pagamento come Google Adwords che ti permettono di ricevere del traffico targettizzato verso il tuo prodotto o servizio. Oppure esistono tanti siti che ti permettono di ricevere del traffico in più in modo gratuito. Qual è il problema del traffico gratuito? Che spesso non è targhettizzato. Ciò significa che spesso il tuo annuncio arriva a persone di cui non gliene frega niente. Però si tratta di un’operazione gratuita e quindi non perderemmo soldi.

Fra i siti principali dove promuovere il tuo blog troviamo i siti di social bookmarking. Sono dei servizi in cui vengono resi disponibili elenchi di segnalibri (bookmark) creati dagli utenti. Tali elenchi sono liberamente consultabili e condivisibili con gli altri utenti appartenenti alla stessa comunità virtuale. Essere conosciuti su questi canali (i più famosi sono FriendFeed, Twitter ecc…) ci consentirà di aumentare la nostra popolarità in rete e di far conoscere i nostri articoli ad un bacino più grande di utenti.

Vediamo qui di seguito una lista dei principali social mookmarking:

Come puoi notare sono prevalentemente in lingua inglese. Qui in Italia non ce ne sono moltissimi. Tuttavia siamo pieni di aggregatori

Promuoversi sui siti di annunci

Forse non ci hai mai pensato ma… perché non sfruttare anche i siti di annunci per avere maggiore visibilitàI siti di annunci ti permettono di inserire una descrizione accanto ogni oggetto che inserisci, solitamente si tratta di qualcosa legato alla compravendita. Forse ti starai chiedendo: “krikko, ma io cosa devo farci con questi siti? Io faccio Internet Marketing e quant’altro, non mi serve a me vendere telefonini su eBay”. 

Allora supponiamo che tu sia un’agenzia di viaggi e che hai una promozione per capodanno. Ovviamente vuoi che questa notizia si diffonda il più possibile. Così pubblichi sul tuo blog l’articolo in cui scrivi e descrivi tale offerta. Questa news sarà mandata poi ai principali aggregatori e social mookmarking. Dopodiché, il passo successivo, è quello di inserire la notizia anche sui siti di annunci. 

Per siti di annunci intendo siti come subito.it o altri. Basta andare all’interno di questi siti, promuovere la tua offerta con delle immagini, una descrizione accurata e un link che rimanda alla notizia pubblicata poco fa sul tuo blog. La tua notizia avrà molta più visibilità. Tasto dolente di questa strategia è che le visite non saranno eterne. Questi siti hanno la particolarità di eliminare gli annunci dopo un tot giorni. Lo fanno per evitare che rimangono online articoli che sono già stati venduti. Tuttavia prima di eliminare l’annuncio ti mandano sempre una notifica via e-mail in cui ti chiedono se intendi rinnovare l’annuncio gratuitamente o eliminarlo. Se intendi rinnovarlo l’annuncio rimarrà online per altri tot. giorni, nel caso contrario scomparirà dal sito. Più annunci metterai su questi siti e più annunci dovrai rinnovare nel tempo. Rinnovare un annuncio ti comporta un semplice click, ma se sono tanti il lavoro potrebbe risultare laborioso. Quindi scegliere bene solo alcuni di questi siti, i migliori, e inizia a promuovere le tue offerte.

Ovviamente inserendo annunci in questi siti possiamo anche sponsorizzarli. Sponsorizzare un annuncio significa farlo comparire in cima e aumentare la nostra visibilità. Se si tratta di offerte con una forte domanda (come l’ultimo dell’anno) può valerne davvero la pena. Con €10 di investimento puoi piazzare un’offerta da €1200.

Diamo un’occhiata ai principali siti di annunci:

Sfruttare il link Baiting

guadagnare con l'affiliate marketing

Cos’è il link baiting? Non è nient’altro che un altro nome per definire il marketing virale. Cos’è il marketing viraleWikipedia ci dice che: “Il marketing virale è un tipo di marketing non convenzionale che sfrutta la capacità comunicativa di pochi soggetti interessati per trasmettere un messaggio a un numero elevato di utenti finali. La modalità di diffusione del messaggio segue un profilo tipico che presenta un andamento esponenziale. È un’evoluzione del passaparola, ma se ne distingue per il fatto di avere un’intenzione volontaria da parte dei promotori della campagna”.

Hai presente tutti quei video su Facebook che hanno milioni di visualizzazioni in poco tempo? Ecco quelli sono i video virali. Possono essere video estremamente divertenti oppure video estremamente terrificanti. Sono quei video che tu stesso condividi con i tuoi amici per fare provare a loro un’emozione forte, qualsiasi emozione. Tutti quelli che condivideranno il video come te, renderanno quel video virale. Non c’è dietro qualcuno che fa pubblicità a quel video ma ci sono gli utenti che condividendolo fanno pubblicità da soli e in maniera gratuita. Capito l’alto potenziale di questo sistema?

Secondo Ralph F.Wilson, i sei principi per rendere un contenuto virale è:

  • Devi regalarlo (essere gratuito);
  • Deve essere facilmente condivisibile (per esempio un video su Facebook);
  • Riuscire a supportare una crescita fuori misura;
  • Fare leva su comportamenti e motivazioni comuni;
  • Utilizzare reti di comunicazione esistenti;
  • Trarre vantaggi dalle risorse di altri.

Di conseguenza bisogna:

  • Puntare sull’emotività delle persone. Crea immagini, testi e video che intendono suscitare emozioni in chi ci visita;
  • Risultare innovativi. Se metti online una cosa che già esiste è difficile che tu abbia successo. Per diventare virale, devi creare qualcosa di veramente innovativo;
  • Crea un marchio. Ogni nuovo contenuto che posterai dovrà far capire alla gente, senza alcun dubbio, che è stato creato da te e da nessun altro. Puoi farlo attraverso un logo ben riconoscibile oppure degli effetti video o sonori che sono presenti in ogni tuo video, testo o audio;
  • Rischia: il rischio può influenzare in modo positivo o negativo una campagna di viral marketing.

progettare sito web

Qual è il sistema per creare un video virale? Quali sono quei fattori che rendono un video virale o meno? Nel video che trovi qui di seguito puoi trovare alcune info:

Adesso che sai come fare non devi fare altro che iniziare a creare i tuoi video virali. Ma prima però, non dimenticarti di iscriverti alla nostra newsletter qui

3 thoughts on “Siti dove promuovere il tuo blog gratuitamente”

  1. Rosario says:

    Grazie Krikko quanta roba per un neofita come me che muove i primi passi nel mondo del Web.

  2. francesca says:

    Articolo ben fatto, creare backlink con un alto pr da un valore in più al proprio sito web.

  3. Christian Salerno (Krikko) says:

    Ma di nulla, è un piacere, Rosario! 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.